Fumo digitale, cos’è e quali sono i suoi vantaggi

Nell’epoca della virtualizzazione, tra lavoro digitale, didattica digitale e intrattenimento digitale, non poteva mancare anche il concetto di fumo digitale. Giochi di parole a parte, di fumo digitale, detto anche fumo freddo, si parla sempre di più e a buona ragione.

Ma cos’è esattamente il fumo digitale? Per dirla in breve, il fumo digitale consiste nel fumare utilizzando dispositivi alternativi alle tradizionali sigarette, nello specifico dispositivi che non prevedono combustione. Tra le soluzioni in commercio per il fumo freddo ci sono le sigarette elettroniche, o ecig, e i riscaldatori di tabacco.

Il fumo digitale è attualmente una pratica sempre più popolare tra i fumatori, al punto che medici, cardiologi e organi di informazione cominciano a interessarsene anche a livello accademico.

Quanto è diffuso il fumo digitale?

fumo digitale

Secondo stime riportate da medici in tutto il mondo, i fumatori ammonterebbero a oltre un miliardo di persone, in particolare quelli che fanno uso di sigarette tradizionali. In Italia, la percentuale di diffusione dei fumatori è stimata intorno al 22% della popolazione, vale a dire 11 milioni di persone. Tra questi, secondo l’Istituto Superiore della Sanità, circa un milione e mezzo utilizzano dispositivi per il fumo freddo, e in particolare circa 900mila italiani fanno uso di sigarette elettroniche. Ma quali sono i vantaggi del fumo freddo? Scopriamoli.

Gli svantaggi del fumo di sigaretta

Sebbene il fumo di sigaretta sia legato a un’idea di convivialità, a una gestualità che in alcuni casi può diventare persino attraente, e in generale a una sorta di momento per se stessi nel mezzo di una giornata particolarmente stressante, i rischi per la salute dei fumatori sono noti da decenni e non possono essere ignorati. È in quest’ottica che il fumo digitale fornisce un’alternativa più salutare sia ai fumatori che vogliono uscire dalla dipendenza da nicotina, sia a quelli che, invece, non sono interessati a smettere e che costituiscono la maggioranza.

La composizione chimica delle sigarette tradizionali, infatti, oltre alla nicotina prevede la presenza di altri materiali tutt’altro che salutari, come catrame e idrocarburi. A ciò si aggiunge il processo di combustione necessario per poterne usufruire, che da solo è in grado di generare migliaia di composti – come ad esempio il monossido di carbonio – che alla lunga danneggiano pesantemente i polmoni di chi fuma e, in misura minore ma non ignorabile, di chi inala passivamente il fumo di qualcun altro.

A ciò si aggiunge l’incidenza del vizio in termini economici, particolarmente nel caso di fumatori incalliti, considerato che quello del tabacco è un monopolio di stato che ha visto un’impennata dei prezzi nel corso degli anni.

Leggi anche: Cosa contiene il liquido per sigaretta elettronica

I vantaggi del fumo digitale

fumo digitale vantaggi

La pratica di utilizzare ecig rappresenta, prima di tutto, una scelta meno dannosa per la salute rispetto al fumo di sigaretta. A supporto di questa tesi troviamo enti di rilevanza mondiale come la FDA americana e il National Health Service inglese. I componenti dei liquidi per sigaretta elettronica, infatti, sono composti generalmente utilizzati in ambito alimentare – come il glicole propilenico e gli aromi – o hanno origine vegetale, come il glicerolo e la stessa nicotina.

Un accorgimento è tuttavia richiesto a tutti i fumatori – o meglio agli svapatori – per la propria salute: utilizzare sempre e soltanto liquidi da sigaretta elettronica non contraffatti. In questo modo si avrà garanzia dell’origine dei componenti che si stanno svapando, per un’esperienza non solo gradevole ma anche protetta.

Leggi anche: Liquido della sigaretta elettronica in bocca: cause e rimedi

Perché scegliere la sigaretta elettronica? Tutti i vantaggi

I motivi per i quali un fumatore si avvicina alla sigaretta elettronica possono essere molteplici: si va dalla voglia di sperimentare con aromi sempre diversi, al desiderio di dedicarsi a quella gestualità rilassante di cui parlavamo poco prima in maniera più salutare.

La maggior parte degli svapatori è composta da ex fumatori di sigarette che vogliono smettere oppure, al contrario, da fumatori che non hanno intenzione di rinunciare al proprio momento di relax ma cercano una soluzione meno dannosa. La possibilità di sostituire il fumo di sigaretta con la pratica dello svapo è attuabile attraverso l’utilizzo di ecig che contengano all’interno del liquido minime quantità di nicotina. In questo modo si può contrastare la reazione di astinenza – che potrebbe portare il fumatore a tornare alle sigarette dopo qualche tempo – ed eventualmente passare poco alla volta a liquidi con concentrazioni di nicotina minori fino a eliminarla del tutto.

Ma non è insolito che appassionati e curiosi si avvicinino al fumo freddo perché affascinati dalla pratica della svapata, con le sue nuvole di fumo profumate, e magari perché desiderosi di gustarne l’aroma senza il bisogno dell’hit della nicotina.

Leggi anche: I migliori aromi estivi da svapare sotto l’ombrellone o in città

Perché scegliere i riscaldatori di tabacco? Ecco i vantaggi

Un’alternativa sempre più popolare alle classiche sigarette, i riscaldatori di tabacco sono particolarmente apprezzati perché in grado di fornire un’esperienza molto vicina a quella del fumo tradizionale ma allo stesso tempo molto meno dannosa per la salute.

I riscaldatori di tabacco fanno utilizzo di stick, da inserire all’interno del dispositivo, che vengono riscaldati fino a circa 260° di temperatura. In questo modo il contenuto dello stick viene vaporizzato senza giungere a combustione: niente fumi tossici, quindi, ma solo l’aroma del tabacco che viene inalato con una dinamica paragonabile a quella di un aerosol. I componenti meccanici presenti all’interno del dispositivo mantengono la temperatura costante durante l’utilizzo, in modo da non bruciare le resistenze o le bobine che si occupano del riscaldamento dello stick. Una volta conclusa la svapata, basta sostituire lo stick all’interno del dispositivo e aver cura di effettuare delle rapide operazioni di manutenzione perché l’esperienza sia sempre ottimale.

Un ulteriore vantaggio di questa tipologia di svapo è la forma dei dispositivi, che è molto simile a quella delle sigarette tradizionali. In questo modo è possibile replicare quella gestualità tipica del fumo tradizionale che tanto affascina gli amanti della sigaretta, ma senza gli svantaggi per la salute di cui parlavamo sopra.

Leggi anche: Sigaretta elettronica, come funziona e quali tipi esistono

Correlati

Ultime notizie

IQOS Iluma: gusti disponibili per i Terea Smartcore Stick

L’attesa è finita! I dispositivi IQOS Iluma sono disponibili in Italia: ecco tutti i gusti disponibili per i Terea Smartcore Stick.

Fiere dello Svapo 2023: 3 eventi da non perdere in Italia

Tra esposizioni internazionali ed eventi dedicati alla ricerca e sviluppo, ecco 3 Fiere dello Svapo nostrane da non perdere nel 2023.

Nuova Zelanda: niente sigarette a chi è nato dopo il 2008, sì allo svapo

Niente tabacco in Nuova zelanda per i nati dopo il 2008. Sanzioni severissime per i trasgressori, sigarette elettroniche escluse dalla manovra.

Aromi natalizi: 7 liquidi per sigaretta elettronica da svapare questo Natale

Per rendere unica l’atmosfera festiva, non c’è niente di meglio di una selezione di eliquid natalizi! Ecco i migliori da gustare in occasione del Natale 2022.

Svapo e tasse: l’UE propone di tassare le ecigarette alla stessa maniera delle classiche bionde

Svapo e tasse: analizziamo la recente proposta di modifica della normativa sulla tassazione del tabacco. Ecigarettes e riscaldatori ne verrebbero pesantemente colpiti.

Aumento sigarette 2023: crescono le accise sui prodotti del tabacco

Aumenta di 20 centesimi il costo di ogni singolo pacchetto di sigarette, mentre le tassazioni sulle sigarette elettroniche rimangono invariate.